Finanziamenti, incentivi, agevolazioni

Benvenuti nella sezione dedicata agli incentivi per le imprese

Le attività che mettiamo a disposizione in quest'ambito sono:

1) Orientamento
Supporto personalizzato per conoscere le migliori agevolazioni da utilizzare per sviluppare il progetto aziendale: incontri per informative su agevolazioni, incentivi e finanziamenti disponibili, possibilità di consultazione di una banca dati on line, informazione mirata sulle specifiche esigenze di investimento dell’azienda.

2) Supporto predisposizione manifestazioni di interesse 
Accompagnamento nella stesura della candidatura delle proposte progettuali da candidare sulle linee di finanziamento individuate.

3) Monitoraggio bandi
Monitoraggio di bandi, agevolazioni e premi a disposizione delle imprese del territorio. Il monitoraggio, oltre alle fonti ufficiali, è esteso a strumenti messi a disposizione da Istituti bancari, fondazioni, ecc.

Per ulteriori informazioni, rivolgersi a SIPRO:
Te.l 0532 243583
E-mail: sipromuove@siproferrara.com


Monitoraggio incentivi:

Il contenuto di queste pagine è solo a scopo informativo. Gli strumenti giuridici pertinenti e i testi dei relativi bandi prevalgono su le informazioni contenute in queste pagina.
SIPRO non accetta responsabilità per qualsiasi uso fatto delle informazioni in essa contenute.

Abbiamo a disposizione incentivi sia nazionali che comunali, che forniamo in elenchi costantemente aggiornati:

Vedi gli incentivi nazionali >>> Vedi gli incentivi comunali>>>

Incentivi nazionali

Bando conciliazione vita-lavoro imprese del Comune di Ferrara - proroga

Bando per contributi alle imprese del Comune di Ferrara che promuovono misure di conciliazione vita-lavoro

In virtù della proroga deliberata la domanda deve essere presentata entro il 15 Luglio 2019.

Il bando promosso dal Comune di Ferrara in collaborazione con SIPRO è stato studiato per finanziare misure di incentivazione alle imprese, per la realizzazione di progetti di welfare aziendale integrato, mirati al sostegno di azioni a favore della conciliazione tempi di vita : famiglia – lavoro.

Promotori del progetto sono l’assessorato al Commercio e quello ai Servizi alla Persona e Politiche Famigliari, che hanno unito gli sforzi per realizzare un progetto che pone l’attenzione sul tema della conciliazione vita privata – vita professionale, mettendo in luce la necessità di ricomporre i diversi interventi di welfare a fronte di un bisogno unitario delle persone e delle famiglie nelle diverse fasi del ciclo di vita. L’iniziativa ha visto la partecipazione attiva della Società Sipro Spa, che ha contribuito gettare le basi di un progetto molto complesso ed innovativo.
Sipro, seguirà tutte le fasi attuative del bando: riceverà le domande di contributo, presiederà l’istruttoria delle stesse e provvederà all’erogazione dei contributi alle imprese per l’attuazione di politiche di welfare.

Il bando che si articola su due Misure: 
Misura 1 – Adozione di percorsi di conciliazione vita e lavoro 
Misura 2 – Adozione di interventi di conciliazione vita e lavoro,

Ammissibilità spese

Le spese sono ammissibili dal  primo gennaio 2018 fino al 30 novembre 2019 e devono riguardare esperienze e progetti innovativi nel campo della conciliazione tempi di vita e lavoro.

Agevolazione

Il Comune di Ferrara mette a disposizione delle aziende del territorio 60.000 euro. 
Se si candida un progetto articolato su entrambe le Misure, è previsto un contributo a fondo perduto fino a 10.000 euro.

Modalità presentazione domanda

Inoltro della modulistica necessaria, unicamente via PEC a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Documentazione

Bando

- Determina di proroga

- Modulo di domanda

           

- Procura speciale               

procura pdf procura doc

      

- Presentazione

Bando per contributi a sostegno dello sviluppo delle imprese situate nel territorio del Comune di Codigoro

BENEFICIARI
Possono presentare richiesta per ottenere i contributi le micro e piccole imprese, così come definite dall’allegato I al Regolamento UE n. 651/2014** con sede legale e/o unità locale nel comune di Codigoro iscritte al Registro delle imprese alla data di presentazione della domanda di contributo, fermo restando l'obbligo di essere in regola con l'inizio attività entro il 31 dicembre 2018.

SPESE AMMISSIBILI
Sono ammesse a contributo le spese (al netto di IVA ed altre imposte e tasse) comprovate da titoli di spesa emessi nel periodo compreso tra l'1 giugno 2017 e il 31 dicembre 2018 (farà fede la data del documento di spesa) riconducibili agli interventi previsti dal bando con riferimento a:

- parcelle notarili e costi relativi alla costituzione dell’impresa (escluse imposte, tasse, diritti e bolli);

- acquisto di beni strumentali, macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all'attività gestionale dell'impresa strettamente pertinenti alla specifica attività esercitata (comprensivo di attrezzature per l'allestimento di automezzi strettamente collegati all'attività esercitata dall'impresa richiedente);

- acquisto di dispositivi tecnici atti ad ottenere la riduzione dell’inquinamento e dei consumi energetici;

acquisto o rinnovo di attrezzature di protezione degli accessi ai locali in cui sono esercitate le attività d’impresa (serrande e saracinesche, cancelli collocati a chiusura di protezione delle aperture di facciata degli stessi);

- acquisto di attrezzature relative a tecnologia sulla sicurezza e cioè, a titolo esemplificativo: sistemi di allarme, video-sorveglianza, antitaccheggio, antifurto, attrezzature per video-sorveglianza, video–protezione con cassetta di registrazione e assimilabili, anche collegati a Centri di Controllo gestiti da Istituti di vigilanza privati, nonché sistemi di videoallarme antirapina – configurati secondo i requisiti tecnici indicati nel capitolato di cui ai Protocolli d’intesa siglati tra il Ministero dell’Interno e le Associazioni imprenditoriali di categoria – in grado di interagire direttamente con gli apparati in essere presso le sale e le centrali operative della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, nel rispetto di quanto previsto dal D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, sulla tutela della privacy”;

- acquisto di strumentazione informatica necessaria all’adeguamento tecnologico dell’attività (a titolo esemplificativo: hardware, software, licenze per brevetti, periferiche, lettore per pagamenti bancomat e carte di credito), strettamente connessi alla realizzazione del progetto ed entro il limite massimo di spesa di euro 4.000;

- attività formativa connessa all’utilizzo della strumentazione informatica acquistata nel limite massimo del 10% della spesa di cui al punto 6;

- arredi, solo se funzionali all’attività d’impresa e con l’esclusione di suppellettili e complementi d’arredo;

- opere murarie e assimilate e infrastrutture specifiche aziendali, compresa impiantistica nella percentuale massima del 20% delle spese ammissibili da 1 a 8. Le spese di progettazione e direzione lavori saranno ammesse nel limite del 20% della spesa totale riferita al presente numero;

- attività di pubblicità, promozione e comunicazione.

 

CONTRIBUTO 
Il contributo riconoscibile è pari al 50% dell’importo complessivo delle spese ammesse ed effettivamente sostenute (al netto IVA e di altre imposte e tasse), sino ad un massimo di 2.000 euro di contributo. Potranno comunque beneficiare del contributo camerale gli interventi il cui costo minimo (spese ammesse) sia pari o superiore a 2.000 euro.

PREMIALITA' 

Il contributo massimo riconoscibile è pari al 50% dell’importo complessivo delle spese ammesse e sostenute per gli interventi di cui all'articolo 7 del bando, sino ad un massimo di contributo di 2.500 euro nei seguenti casi:

1. IMPRESA GIOVANILE

Si è in presenza del requisito nei seguenti casi:

- imprese individuali con titolare di età compresa tra 18 e 35 anni;

- società di persone e cooperative: almeno il 60% dei soci deve essere costituito da persone di età compresa tra 18 e 35 anni;

- società di capitali: almeno i 2/3 delle quote o azioni devono essere detenute da persone di età compresa tra 18 e 35 anni e l’organo di amministrazione deve essere composto da persone di età compresa tra 18 e 35 anni per almeno i 2/3 (non avere compiuto il 36° anno alla data di apertura del bando).

2.  NUOVA IMPRESA

Iscritta al registro imprese successivamente all' 1 gennaio 2017)

I predetti requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e permanere almeno fino al momento della liquidazione del contributo 

SCADENZA 
31 Dicembre 2018 o esaurimento risorse

Per ulteriori informazioni e scaricare bando e modulistica

 

 

 

 

Bando per il sostegno di interventi effettuati da esercizi commerciali di vicinato e pubblici esercizi - Comune di Ostellato

Scadenza: 06 Dicembre 2017 - Il Comune di Ostellato intende sostenere le piccole e micro imprese locali che operano nell'ambito di specifici settori quali commercio di vicinato e pubblici esercizi.

Tale contributo intende dare un aiuto concreto alle attività che sia nel capoluogo sia nelle frazioni rappresentano un sistema integrato di servizi al cittadino e la loro presenza sul territorio consente di evitare il depauperamento dei centri storici e abitati del Comune di Ostellato.

Per ulteriori informazioni e scaricare bando e modulistica

 

 

 

 

Contributi a sostegno degli investimenti in tecnologia per la sicurezza rivolto alle imprese localizzate nel comune di Fiscaglia 2017 - Comune di Fiscaglia e CCIAA

Scadenza: 31 Dicembre 2017 - Il bando  "Contributi alle imprese del Comune di Copparo a sostegno degli investimenti in tecnologia per la sicurezza" è destinato ad aziende che abbiano sede o filiale nel Comune di Fiscaglia per interventi di messa in sicurezza riguardino gli edifici presenti sul territorio.

Le domande si potranno presentare dal 18 luglio al 31 dicembre 2017, salvo esaurimento fondi. 

 

Tre le tipologie di sistemi previsti dal bando:

Tipo A - video-allarme antirapina, collegato alla centrale operativa della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri;

Tipo B - video-allarme antirapina (ad es. controllati con telecamere e/o con sistemi di rilevamento satellitare collegati con Istituti di vigilanza) e sistemi di video-sorveglianza a circuito chiuso e sistemi antintrusione con allarme acustico;

Tipo C - casseforti, sistemi antitaccheggio, serrande e saracinesche, vetrine antisfondamento, sistemi biometrici, telecamere termiche, sistemi di pagamento elettronici: sistemi di rilevazione delle banconote false, dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna esterna, casseforti e blindature antiesplosione, automazione nella gestione delle chiavi, paletti antisfondamento.

 

Il contributo, a fondo perduto, sarà pari al 40% della spesa sostenuta (per un massimo di 1.000 euro di contributo) e l’intervento dovrà avere un costo minimo di 500 euro (al netto di iva). 

L’ammissibilità della spesa è retroattiva  e copre il periodo dal primo gennaio 2017 al 31 marzo 2018. 

Sono ammesse tutte le categorie economiche, da agricoltura a commercio e artigianato. 

 

Per ulteriori info e scaricare il bando e la modulistica

Incentivi comunali