Bando Consorzi per l'internazionalizzazione 2016 - RER

La Regione Emilia-Romagna promuove i processi di internazionalizzazione delle imprese regionali con il sostegno a progetti in forma aggregata. In particolare il bando è rivolto al sostegno di programmi promozionali proposti dai consorzi per l’internazionalizzazione.

 

Riferimenti normativi: Attività 4.2 del Programma Regionale Attività Produttive 2012 - 2015. Annualità 2016 

 

Scadenza: le domande devono essere inviate entro le ore 18:00 del 26 febbraio 2016.

 

Soggetti che possono fare domanda:

Possono presentare domanda i consorzi per l’internazionalizzazione di cui alla Legge 7 agosto 2012, n. 134, con i seguenti requisiti:

- avere sede legale in Emilia-Romagna;

- essere costituiti da imprese prevalentemente con sede legale in Emilia-Romagna; le imprese consorziate

con sede al di fuori della regione non devono rappresentare più del 25% del totale. E’ ammessa la

partecipazione di enti pubblici e privati, di banche e di imprese attive in settori non ammessi purché non

fruiscano del contributo concesso dal presente bando;

- essere costituiti da almeno otto imprese fra loro indipendenti (ovvero nono associate o collegate fra di

loro); possono essere costituiti da non meno di cinque imprese qualora si tratti di consorzi e società

consortili tra imprese artigiane di cui all'articolo 6 della legge 8 agosto 1985, n. 443;

- indicare nello statuto il divieto di distribuzione degli avanzi e degli utili di esercizio, di ogni genere e

sotto qualsiasi forma, alle imprese consorziate o socie anche in caso di scioglimento del Consorzio;

essere attivi e non essere in liquidazione o soggetti a procedure concorsuali. 

 

Spese Ammissibili:

Le azioni realizzabili da parte dei Consorzi e ammissibili al contributo secondo il presente bando devono essere articolate e descritte nell’ambito di un Programma Promozionale annuale per il 2016 da realizzarsi

inderogabilmente tra l’1/01/2016 e il 31/12/2016

Saranno esclusi i programmi promozionali con spesa complessiva ritenuta ammissibile dalla Regione inferiore a € 30.000,00.

Le spese ammissibili, che dovranno essere coerenti e finalizzate al raggiungimento degli obiettivi specifici indicati nel programma promozionale, nonché riferirsi esclusivamente ad attività realizzate nella sola forma

consortile, potranno riguardare:

1. Partecipazioni fieristiche del consorzio a fiere estere con qualifica internazionale elencate nel sito dell’UFI e a fiere in Italia riconosciute internazionali in base al calendario pubblicato dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni

2. Spese promozionali del consorzio per l’internazionalizzazione

3. Spese di incoming relative alla ospitalità di operatori esteri in Italia 

4. Spese di consulenza esterna

5. Spese di personale dipendente o assimilato

6. Spese forfettarie di funzionamento

con le restrizioni e precisazioni riportate nel bando.

 

Agevolazione:

L’agevolazione prevista dal presente bando consiste in un contributo quantificabile fino al 50% della spesa ammissibile. 

Il contributo non potrà comunque superare l'importo di 150.000,00 euro.

Il contributo massimo concedibile per ciascun consorzio è determinato in ragione del numero delle imprese consorziate partecipanti al programma promozionale e si calcola moltiplicando la quota di 10.000,00 euro

per ogni impresa, nel rispetto dei limiti sopra descritti.

Ai contributi di cui al presente bando si applica, il Regolamento CE 1407/2013 del 18 dicembre 2013 in materia di aiuti “de minimis”. 

 

Modalità di adesione:

Le domanda, costituita dalla domanda di contributo per il Programma promozionale annuale 2015, e -se non ancora richiesta- dalla domanda di accreditamento “Entry level” di cui all’art. del 4 del bando (primo livello di accreditamento istituzionale che rappresenta il primo livello per conseguire il successivo accreditamento definitivo). 

 

Per saperne di più